About

Benvenuti sulle pagine virtuali del mio taccuino di viaggio!

La creazione di questo spazio di condivisione nasce dalla volontà di esprimere con la scrittura e la fotografia la sensazione galvanizzante che avvolge la mente e il cuore nello scoprire nuovi angoli di mondo. Scrigni naturali e scorci urbani, cieli perlacei e limpide acque, tramonti dorati e albe soavi, campi di fiori e fresche montagne. La bellezza del mondo è ovunque e spetta a noi riconoscerla, bastano un cuore predisposto all'emozione e allo stupore e uno sguardo che aneli costantemente all'Infinito, a "dischiudere magiche nicchie negli alberi", citando le parole di uno straordinario artista surrealista, René Magritte.


Mare di Alghero al tramonto

Welcome to the virtual pages of my travel diary!
The creation of this sharing space derives from the will to express through my writing and photographing the galvanic feeling which embraces the mind and the heart when we discover new corners of the world. Natural treasure chests and urban glimpses, pearly skies and crystal clear waters, golden sunsets and pleasing sunrises, flower fields and fresh mountains. The beauty of the world is everywhere and it's up to us recognize it. We need a heart able to be touched and a look that longs to "open up magic riches in the trees" as René Magritte, an extraordinary Surrealist painter, wrote in "The voice of Blood" in 1948.

About me

Mi chiamo Fabiana e vivo in Sardegna, vicino a un mare che è poesia.
In questo blog scrivo principalmente di viaggi, ma anche di eventi e di libri. Ho tante passioni tra cui l'arte, il cinema, la letteratura e la musica.
Ho un'esperienza pluriennale in qualità di traduttrice freelance. Traduco dalla lingua tedesca a quella italiana testi in ambito turistico e immobiliare, siti web, 
documenti di marketing e schede tecniche di prodotti.
Mi occupo di grafica e realizzo illustrazioni, loghi, biglietti da visita. Amo pensare, immaginare, sognare e l'attività grafica mi permette di stimolare al meglio la mia
creatività.

“Amava il mare. Le piacevano il pungente odore di salmastro che pervadeva l'aria, la vastità degli orizzonti delimitati solamente dalla cupola del cielo azzurro. La faceva sentire minuscola, il mare, ma la faceva anche sentire libera.
George R.R. Martin


My name is Fabiana and I live in Sardinia, near a poetic sea.
In this blog I write mainly about travel, but also about events and books. I have so many passions including art, cinema, literature and music.
I have a multi-year experience as a freelance translator. I translate from German to Italian tourism and real estate texts, websites,
marketing documents and product data sheets.
I deal with graphics and I realize illustrations, logos, business cards. I love to think, imagine, dream, and graphic activity allows me to stimulate my creativity.

“She loved the sea. She liked the sharp salty smell of the air, and the vastness of the horizons bounded only by a vault of azure sky above. It made her feel small, but free as well.”
George R.R. Martin


About my blog
Perchè intitolare questo blog "Viaggi di una conchiglia"? Perchè quando penso al tema del viaggio e alla figura del viaggiatore mi sorge spontaneo nella mente il parallelismo con le conchiglie. Le conchiglie siamo noi, che con curiosità e trepidazione, ci lasciamo cullare dalle infinite acque del mare, dall'immenso e variegato Universo in cui viviamo. Vaghiamo per giorni interi trascinate dalle onde e impariamo a conoscere nuovi fondali o in balia della risacca approdiamo a lidi stranieri e là ci adagiamo nostalgiche. 
Nella nostra mente fioriscono i ricordi di viaggi passati, memorie che fluttuano in atmosfere rarefatte, così come le conchiglie, ricordando il loro passaggio danzante avvolto dalla bianca schiuma, riproducono l'armonioso suono del mare. A volte incontriamo altre conchiglie: sono delicate, esotiche, bianche o colorate, allungate o spiraliformi, commoventi nella loro fragilità. La loro geometria cela il loro vissuto, il loro lungo viaggio, la loro storia personale, i loro segreti. Quando viaggiamo siamo come conchiglie che danzano nel mare infinito e contemplano l'orizzonte adagiate come gioielli sulla battigia....

Conchiglie a Lazzaretto

Why did I entitle this blog "Viaggi di una conchiglia" (in English: "Travels of a shell") ? Because everytime I think about the theme of travel and the figure of the traveller, a parallelism with shells enters my mind. The shells are us. We let the gentle waves of the sea lull us, we navigate the immense and varied world we live in. We wander for whole days dragged by waves and we get acquainted with the depth of the sea or we are carried by the tide and we land on new shores and there we lay down nostalgic. Memories of past travels bloom in our mind and they fluctuate in a rarefied atmosphere. At the same way the shells, remembering their past trips, reproduce the graceful sound of sea. Sometimes we meet other shells: they're delicate, exotic, white or colourful, long or spiral, touching in their fragility. Their geometry disguises their life experience, their long travel, their personal story, their secrets. When we travel we are like shells which dance in the infinite sea and contemplate the horizon lying like jewels on the water's edge...